Blizzard VS Bossland - La Sfida Termina in Tribunale: "Per WoW è Vittoria"



Blizzard
segna finalmente un punto gigante a suo favore in uno dei vari campi di battaglia che la vedono coinvolta. La guerra mossa anni fa contro la compagnia tedesca ideatrice e sponsor del bot HonorBuddy, la Bossland GmbH, è arrivata finalmente ad un punto di svolta nelle aule dei tribunali.

Facendo un passo indietro, occorre spiegare per i vari semi-colti del forum, a cosa serva HonorBuddy. Il programma in questione è più di un semplice add-on ma un autentico bot, che a pagamento (si acquista mediante una formula di sottoscrizione mensile/annuale), permette di fare qualsiasi attività in gioco: dal prendere erbe, al massacro di mob per ore.

La Corte di Giustizia Federale Tedesca, proprio questa settimana si è occupata del caso e ha stabilito a chiare lettere come "Il programma HonorBuddy della Bossland's per World of Warcraft sta di fatto violando le leggi in materia di competizione".

La Blizzard ha da sempre voluto arrestare l'attività di creazione, distribuzione e vendita dei bot al pubblico, in quanto la sola esistenza del suddetto programma realizzato da Bossland, costringeva la compagnia americana a spendere un'ESORBITANTE quantità di denaro per contrastarla, sia in gioco che fuori. Nel maggio 2015, Bossland aveva convinto le corti tedesche a negare alla Blizzard ogni richiesta di ingiunzione contro di loro. Il fatto aveva spinto la Blizzard a citare l'imprenditore di Bossland in giudizio in tribunale, ma questa volta quello della California. Accuse rimandate nuovamente al mittente: nella stessa sessione giudiziaria si è addirittura sfiorato il ridicolo con la Bossland che ha contro-citato la Blizzard per avergli hackerato il codice sorgente di uno dei suoi bot su Heroes of the Storm.

Nella loro press release, gli avvocati di Blizzard dopo invece la recente sentenza tedesca hanno scritto:

"Il verdetto è un segnale importante di come tutti gli sviluppatori di videogame, potranno nel prossimo futuro difendersi dalla distribuzione di bot e cheat illegali nei loro prodotti. La corte ha chiarificato come questi programmi sia anti-competitivi nei giochi online. La decisione sarà nell'interesse totale dei giocatori onesti, che vorranno divertirsi in modo genuino con i loro compagni di squadra".

La sentenza del tribunale non pare essere disponibile in modo integrale via internet.

La Bossland non è stata ad ascoltare in silenzio, ha dato al contrario una risposta sprezzante a tutti coloro che gli hanno teso l'orecchio, impegnata com'è in diverse altre cause pendenti - alcuni nel proprio paese, una negli Stati Uniti ed un paio di altre in Inghilterra.

Molti siti di MMO hanno riportato la notizia di come Bossland abbia chiuso la saracinesca sulla versione tedesca per HonorBuddy ma che continui a svilupparla per altri paesi. Blizzard ad ogni modo potrebbe intervenire risoluta anche all'estero, cosa che ovviamente ha dato l'allarme ai creatori di bot: è stato annunciato come intendano eliminare il modello di iscrizione per tutta la vita, modificandolo con un abbonamento di soli due anni. Un segnale di come le cose non vadano affatto bene.

"Stiamo per cambiare tutti i contratti lifetime esistenti per Demonbuddy e Honorbuddy, facendoli terminare dopo 2 anni dalla sottoscrizione," scrive Bossland. "Siamo molto indebitati dalle varie spese legali e dalle scarse vendite. Non stiamo insomma generando molta cassa. La decisione presa oggi è stata difficile [Cambiare gli abbonamenti n.d.r.], ma giusta. L'alternativa era di chiudere, ma i nostri piani per il futuro non sono terminati".

Potete immaginare la contentezza di tutti coloro che avevano pagato un contratto a vita che gli fornisse i bot..

Sarà la fine di uno dei più importanti siti di bot-making esistente?
 
Ultima modifica:
Sono sicuro che sia giusto invece.. lo dicono anche su interned!

mi da del tu? batti lei congiuntivo... fantastico!!!
hai scritto masscro di bot per ore...intendevi mobs? (oggi ci svegliamo tutti revisori)

tornando al tema ovviamente i costruttori di bot hanno sempre fatto soldi facili perchè nessuno li ha mai contrastati seriamente. Spesso lasciati dalle stesse SH perchè comunque fanno "girare" il gioco. Prendessero esempio anche gli altri dalla blizzard invece di copiare/clonare wow saremmo tutti più felici (bot sellers e bm a parte)
 
Diciamo che sembrano buone notizie (anche se ho letto tutto molto, molto rapidamente.. :p), ma in ogni caso questo e' solo qualcosa contro chi crea e poi vende bot. Ci sono comunque tanti player abbastanza capaci di script/etc. in grado di crearsi bot ad hoc (chiaro.. magari non esattamente pieni di features come un honorbuddy qualsiasi xD ma allo stesso modo potenzialmente piu' difficili da identificare) che rimarranno sempre in circolazione!
 
Era ora, del resto solo Blizzard puo sostenere certe spese legali e vincerle, sti software bot sono una rottura di scatole, la gente ormai pensa dio poterli usare come abbellimento del gioco.
tutti che hanno fretta di expare ed arrivare alal fine, ma il bello di un mmorpg è il tragitto che si percorre per arrivare all'end-game, non l'end-game stesso, almeno per me è così.
 
Alto